Massimo Castagna ospite a “Design Talks”

Intervista con Massimo Castagna

News

Rossana ospita Massimo Castagna a “Design Talks”, l’evento live streaming che svela e racconta la storia e I progetti del brand attraverso designer di fama internazionale.
L’appuntamento è per giovedì 30 luglio, alle ore 16:30

Giunge al terzo appuntamento Design Talks, l’innovativo progetto firmato Rossana, fatto di incontri, riflessioni e scambi su una grande passione che connette: il design. Un progetto-evento in live streaming, dinamico e colto, che racconta attraverso il contributo dei più importanti designer italiani i modelli di cucine Rossana che hanno contribuito a tracciare la storia del brand e svela i nuovi progetti che lasceranno un segno nel design.

Ospite d’eccezione di questo nuovo appuntamento – in programma per giovedì 30 luglio, alle ore 16:30 – sarà Massimo Castagna, il cui nome nel mondo dell’architettura si è consacrato presto grazie alle grandi collaborazioni e ai continui successi che hanno portano la sua forte identità anche nel mondo del design.

L’incontro moderato da Gilda Bojardi, direttore di INTERNI e personalità internazionale nel mondo del design, sarà l’occasione per raccontare la collaborazione di Massimo Castagna con Rossana, che per oltre una decade ne è stato Art Director e ha firmato per il brand modelli di successo come HD23 e HT50 caratterizzate dalla libera aggregazione di singoli elementi che superano il concetto di cucina caratterizzata dall’anta e da un unico blocco coordinato, W75 e TK38 che esprimono una nuova dimensione del lusso understatement, TU23 che attraverso sistemi a colonne consente soluzioni progettuali e architettonici originali per l’utilizzo ottimale degli spazi, e K-IN e K-OUT un sistema dal design unico pensato per uso interno ed esterno, dove il design sfida la fisica grazie all’applicazione di un incredibile piano di lavoro scorrevole a sbalzo. 

Durante il talk saranno affrontati anche temi legati al nuovo concetto di abitare, ai cambiamenti nel mondo del design a seguito dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo e all’influenza del design sulla convivialità.